The Wolf of Wall Street

The-Wolf-of-wall-street-film

Una scena tratta da “The Wolf og Wall Street”

Quando vidi Titanic di James Cameron affermai:”Il film tutto sommato non è male..effetti speciali “con la pala”, storia tragica di un secolo ormai nascosto sotto il tappetino dei ricordi..però stu Leonardo di Caprio è proprio un cane..con tutto il rispetto parlando per il miglior amico dell’uomo”. Allora facciamo così..a me piace ricredermi, soprattutto nel senso positivo del termine..Leo è diventato Attore ormai da quasi un decennio ma con:”The Wolf of Wall Street” ha veramente superato se stesso.

Martin Scorsese per lui è stato realmente “il coach life mandato dal cielo”, gli ha concesso una “personalità” inimmaginabile solo pochi anni prima, come se l’avesse chiuso in uno stanzino pieno di idee da esplorare, libri sconosciuti sull’ Essere Umano, fanstasticherie recondite di un uomo perfetto..cazzo sto parlando troppo bene di sto ragazzo mi devo calmare.

Il film “inghiotte” me-pubblico per circa tre ore, non si ferma mai, sembra quasi che anche Scorsese abbia ingurgitato quel numero smisurato di droghe sintetiche che diventano co-protagoniste della pellicola: Jordan Belfort quando arriva a Wall Street è il classico ragazzo americano con annesso l’ancora più classico “sogno americano”..vuole fare i soldi..tanti soldi..il cerchio non si deve mai stringere casomai espandersi a dismisura fino a divenire un gigantesco luna-park del neo-capitalismo..perchè poi è di questo che si tratta..non avere mai pronunciato la parola “limite” rende tutto più fottutamente semplice!

Quel giorno dell’87 il ragazzo vive la gioia e la disperazione della vita di broker finanziario..inizia il suo lavoro-fallisce il suo lavoro, molta gente si sarebbe buttata da un ponte..esagerazioni da scribacchino..invece lui subito si rimette in carreggiata,svanisce quel sogno utopico, ma poi neanche tanto, di lavorare a Wall Street, ma ne inizia subito un altro: ripartire dal basso per arrivare all’apogeo delle più grandi truffe finanziarie del secolo”.

Ora il gioco è cambiato, non si frega più la povera gente..si punta in alto..si spara al condor non più al piccione, quella lingua è più sciolta che tagliente..nel suo lavoro si deve essere volgari ma anche comprensivi, ammalianti, cazzo si deve convincere a telefono una persona a sborsare milioni di dollari..” Buongiorno siamo quelli della Tim vorremo proporle la nuova tariffa del..No grazie non mi serve niente”..non è facile ingannare la gente, non sempre almeno.

Il suo mentore è stato Mark Hanna interpretato dal “nuovo” Mattew McConaughey, che gli da due semplici “dritte” per fare il broker di successo…entrambi opinabili sotto il punto di vista morale..ma qui non si parla di morale..non vi è mai stata tale presunzione da parte mia..boom..e a prescindere dalla cocaina e dall’ onanismo credo che ognuno di noi debba essere sempre fedele a se stesso, la svolta consiste nell’auto-giudicarsi..nun c’ sta nient a’ fa!..

Inizia con una “stanza modesta” per giungere in un super attico enorme di un grattacielo della stessa portata..ormai non si può definire più un luogo di lavoro, piuttosto un ” animal farm contemporanea”, surreale e grottesca a tratti, ognuno sembra essere il padrone di se stesso, tutti devoti però al santo Jordan Di Caprio, i suoi discorsi sembrano quelli di “Cristo in giacca e cravatta”, c’è un “popolo” che attende solo il “verbo del Signore”..ok sto veramente esagerando chiedo venia; c’è una scena che mi ha portato indietro con la memoria, a quell’anno in cui vidi per la prima volta  “Paura e Delirio a Las Vegas”,in quel caso a farla da “padrone della serata” fu quel “famoso etere” che fece spuntare la coda a quel bel tossico di Jhonny Deep…questa volta è il “quaalude” una specie di sedativo-ipnotico che se  non ha subito effetto diviene una “bomba celebrale che blocca anche le articolazioni”..nu maciell’, comunque è inutile neanche pensare di “provarla”..bruciava il sistema nervoso..nell’84 hanno bloccato la produzione..fine dei giochi.

“Non può piovere per sempre” affermava il compianto corvo-Lee, ed era vero, come è vero che non ti può andare sempre bene mio caro Leonardo, si ok in “Prova a prendermi” di Spielberg ce l’hai fatta, qui però ti sei fatto veramente divorare dal vile denaro, Ubermench d’alto borgo che supera se stesso dandosi la “precedenza”, creando un “modello di uomo-vita da perseguire”..e così i giovani rampolli yankee vogliono essere come lui, vogliono fregarsene del fisco, delle leggi americane, ma si.. tanto i soldi vanno in Svizzera, però attenzione a chi li intesti..non si può mai sapere.

Il film l’ho visto di recente, per non dire ieri, a me è piaciuto molto, anche perchè l’avevo immaginato così, in questi casi non mi deludo mai, vi è  “la nascita del male”, quei fatidici anni’90, botta e risposta dei vari e cosiddetti “boom finanziari”, il tracollo e la risalita a galla, si vendeva e si continua a vendere un “dream” targato USA, la facilità con cui un certo numero di persone è riuscita ad arricchirsi promettendo “fuffa” alle persone è disarmante, mi spaventa come mi spaventano quei tipi che fuori a Piazza Garibaldi a Napoli continuano a puntare 50 euro su una di quelle cazzo di campanelle..non sono tutti complici..ci sta veramente il pollo di turno..e prima che se ne accorge è già bello che spennato..L’America è molto lontana da noi, si noi ce lo abbiamo sto rinomato Sogno, siamo un popolo “minorenne” sotto alcuni punti di vista, ci piace il denaro facile..a Tutti piace..e come dice il mio amico Caparezza:”Anche i più incorruttibili si fanno influenzare dai germi”.

Con questa perla-che parla-da sola..concludo..andatelo a vedere tutti e soprattutto: Attenti al Lupo..uh!

Annunci

3 pensieri su “The Wolf of Wall Street

  1. Anche io ho adorato questa pellicola sfacciata e irriverente, credendovi di trovare infatti quello che vi ho trovato e anche di più. Su Leo già ci scommettevo da tempo che avrebbe “spaccato” e così é. Interprete degno di lode a mio parere, che ha dimostrato già più volte di sapersi misurare in ruoli diversificati e complessi. Mi ha stupita Scorsese che, come hai giustamente fatto notare, era anche lui forse sotto l’effetto delle droghe per girare un film così particolare. Un pò lungo però, ingiustificatamente. Se hai voglia di dare un occhio al mio blog, ho anche io parlato di The Wolf of Wall Street e con altri blogger, discutevamo proprio del fatto che il film é stato un pochino troppo prolisso nel descrivere l’ascesa, fatta delle stesse situazioni che si ripetevano. Da Oscar quindi a mio parere Leo, un pò meno il film. Ma ottimo lavoro comunque! Ps. Bel post.

    • Ciao Manuela..si indubbiamente questo film sta facendo discutere parecchio i vari cinefili e non..penso che fare un film di 3 ore che riesca a non “stancare” non sia facile..ha delle lacune strutturale secondo me però nell’insieme il film è completo..ti faccio degli esempi: l’ultimo Batman di Nolan dura anche esso 3 ore e può piacere o non il genere, ma comunque è un film completo..se parliamo poi dei film di Kechiche è poi tutto un altro discorso..a me la coppia Scorsese-Di Caprio piace molto perchè è come quegli amori che sbocciano già tra persone mature..e che potrebbero durare per l’eternità..qualcosa che hai scritto l’ho letto..anche tu sei molto brava..mi fa sempre piacere vedere che continui a seguirmi..grazie e a presto..

      • Bella l’immagine di Scorsese Di Caprio come una coppia di amanti matura! Hai ragione. Certo, l’esempio di Batman cade a pennello. Ben strutturato anche se lungo, ma che piaccia o meno dipende unicamente dai gusti del pubblico. Ps. é un piacere seguire il tuo blog. Continua così!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...